la pagina di valentina
la pagina di antonio


Ciao, Valentina!

Ciao, Valentina!

1999, Edizioni Piemme - Milano

ARGOMENTO

In questo quarto libro della serie, l'amicizia fra Valentina e Sara diventa ancora pi¨ salda. Luca, il fratello di Valentina Ŕ un po' geloso dell'amica del cuore di sua sorella e si sente veramente escluso quando Valentina trascorre due notti a casa di Sara. Ma l'amicizia tra Valentina e Sara Ŕ contagiosa: anche la mamma di Sara trova nella mamma di Valentina un'ottima persona con cui aprirsi, per confidare le preoccupazioni per il figlio Davide, fratello di Sara, e per il suo handicap, che il marito non riesce ad accettare. L'arrivo di Daniela, la nuova professoressa di lettere, entusiasma Valentina e tutti i suoi compagni. E' una persona eccezionale, che riuscirÓ ad appassionare tutti gli alunni ai libri e alla lettura, organizzando anche un insolito incontro con un autore di libri per ragazzi. Prosegue il bellissimo rapporto tra Valentina e zia EIsa, che partorisce il suo terzo bambino, Cristiano. Nonostante Valentina non sia potuta tornare nel Devon con Ben, nonna Rose Ŕ molto legata a lei e, durante la sua visita a Torino, le consegna una preziosa ereditÓ.

PERCHE' IL LIBRO INTERESSA ALL'INSEGNANTE

La narrazione in prima persona Ŕ un elemento catalizzante e crea un'atmosfera appassionante intorno alle vicende della vita di Valentina. Il punto di forza del libro Ŕ il modo in cui vengono affrontate le tematiche adolescenziali che pi¨ coinvolgono i ragazzi: la responsabilitÓ di crescere, le prime esperienze affettive, l'amicizia, il rapporto con gli adulti. Inoltre, ogni argomento viene affrontato con un linguaggio semplice, schietto e immediato, che certo piacerÓ ai ragazzi.

PERCHE' IL LIBRO PIACE AI RAGAZZI

L'adolescenza Ŕ considerata un'etÓ difficile per l'intrinseca complessitÓ a reperire risposte ai molti interrogativi che emergono nella mente e nel cuore dei ragazzi. Valentina Ŕ intelligente e ottimista, e propone le risposte che lei ha dato a quei problemi. Attraverso il processo di identificazione i lettori potranno trovare percorsi di riflessione comuni. Ci˛ che attrae Ŕ, ancora una volta, il fatto di poter leggere di argomenti di vita quotidiana che spesso, per timidezza o disagio, restano inespressi.